Vereinigung Deutsch-Italienischer Kultur-Gesellschaften e.V. (VDIG) - Logo

Scambio culturale bilaterale

La Borsa Culturale Italo-Tedesca

Un pilastro importante dello scambio culturale bilaterale è lo "Scambio culturale italo-tedesco", nato dai contatti tra le società in Germania e in Italia.



Iniziato a Savona nel 1989, si svolge ogni due anni, alternandosi tra Germania e Italia.



Gli scambi culturali servono allo scambio culturale dei partecipanti delle società membri della VDIG, delle società sorelle italiane e di altre istituzioni e partner del contesto tedesco-italiano. Ma il pubblico interessato ha anche l'opportunità di conoscere l'attraente e vario programma culturale, gli obiettivi e le attività delle società partecipanti nelle diverse città.

Prossima data

Giugno 2024

Prato

La borsa culturale

si terrà / si è tenuta a:

2005

IX. Messina

2003

VIII. Magdeburg

2001

VII. Venedig

1999

VI. Lüdenscheid/Hagen

1997

V. Verona

1995

IV. Weimar

1993

III. La Spezia

1991

II. Münster

1989

I. Savona

10

Giu
2022


Veranstaltungsort:

Stadtmuseum

Rathaus

Grabbeplatz

u.a.

 

10.-12.06.2022

XVI Borsa Culturale Italo-Tedesca a Düsseldorf

Recensione

L'atmosfera era rilassata, la gioia di potersi finalmente incontrare di nuovo per uno scambio culturale italo-tedesco dopo quattro anni di 'forzata astinenza' era palpabile tra tutti. I membri delle associazioni italo-tedesche erano giunti a Düsseldorf da tutta la Germania. Numerosi anche gli ospiti provenienti dall'Italia: le associazioni consorelle e rappresentanti di altre istituzioni come p. es. il Goethe-Institut di Roma.

Più di 150 partecipanti hanno colto l'occasione per dar vita ad un incontro in presenza dopo più di due anni in cui i contatti erano stati possibili solo in forma digitale. Finalmente è stato quindi possibile scambiarsi personalmente informazioni sul lavoro culturale bilaterale, su progetti e programmi futuri, presentare e discutere idee, stabilire (nuovi) contatti. Dal 10 al 12 giugno ci siamo pertanto riuniti sul Reno. La Borsa Culturale Italo-Tedesca si è svolta per la prima volta a Düsseldorf. L´incontro avrebbe dovuto aver luogo già nel 2020, ma a causa di Corona era stato spostato al 2022. Le 'padrone di casa' sono state tra associazioni: la DIG di Düsseldorf, Italia Altrove e il Verein Düsseldorf Palermo - insieme, naturalmente, alla VDIG, la Confederazione delle Associazioni Culturali Italo-Tedesche.

La registrazione al convegno ha avuto luogo venerdì 10 giugno presso lo Stadtmuseum, dove è stata anche inaugurata la Borsa Culturale. La direttrice del museo, la dott.ssa Susanne Anna, la presidente della VDIG, Rita Marcon-Grothausmann, e Robert Himmrich, presidente della DIG di Düsseldorf, hanno accolto gli ospiti. Come uno dei primi "spuntini culturali - bocconcini di cultura" durante l´inaugurazione ufficiale, è stata presentata la nuova brochure dell'iniziativa  oli della VDIG - omaggio alla lingua italiana - We love Italian. Usufruendo di varie relazioni e dei diversi approcci che ne conseguono, oli mira a rafforzare il ruolo dell´italiano all´estero e a risvegliare l´interesse per questa lingua ed il suo apprendimento in un pubblico più vasto.

Con quattro storie molto fantasiose e affascinanti l'attrice Antonella Simonetti ha poi 'rapito' il pubblico, conducendolo in un mondo magico. Il suo programma "L'acchiappa miracoli" ha messo a fuoco temi come l´amore, la speranza, la disperazione, ma anche le buone azioni a lieto fine.

Dopo questo incantevole inizio ci si è spostati nell'altrettanto incantevole roseto situato dietro il Museo della Città: lì i partecipanti alla Borsa Culturale hanno avuto modo di far festa mangiando, bevendo birra, ma anche scambiando idee e proposte.

Tutti gli eventi dell XVI Borsa Culturale Italo-Tedesca si sono svolti a poca distanza dal Reno, il fiume che scorre attraverso ben sei Paesi, collegando così anche le loro culture. Stabilire e coltivare consapevolmente contatti con esse, è stato il tema predominante in tutti gli interventi e le conferenze tenutesi il secondo giorno della Borsa Culturale, sabato 11 giugno.  Sullo sfondo della guerra in Ucraina, tutti coloro che si sono avvicendati al microfono hanno sottolineato quanto preziosa sia non solo la tolleranza fra i vari Paesi, ma anche un attivo scambio culturale fra di essi.

Quasi tutti i posti a sedere nella sala plenaria del Municipio di Düsseldorf erano occupati quando sabato mattina la Borsa Culturale è stata ufficialmente aperta dai quattro presidenti delle società ospitanti: Rita Marcon-Grothausmann (presidente della VDIG), Robert Himmrich (presidente della DIG Düsseldorf), Elena Berardo (presidente di Italia Altrove) e Michael Kortländer (Presidente del Verein Düsseldorf Palermo e.V.).

Il Console Generale d'Italia a Colonia, Luis Cavalieri, la direttrice del Dipartimento di Cultura di Düsseldorf, Miriam Koch, e Marvin Schnell, rappresentante del Goethe-Institut di Roma, hanno dato il loro benvenuto ai partecipanti. Josephine Löffler ha presentato il lavoro della piattaforma internet VIAVAI, che offre ai giovani tedeschi e italiani l'opportunità di entrare in contatto tra loro e di ottenere informazioni sui soggiorni nell'altro Paese. L'ambasciatore tedesco a Roma, Viktor Ebling, è intervenuto con un videomessaggio. Anche Leoluca Orlando, ex sindaco di Palermo, ha salutato digitalmente i partecipanti. Inizialmente sperava di poter intervenire di persona alla manifestazione a Düsseldorf, ma all´ultimo momento, a causa di impegni impellenti, ha dovuto disdire la sua partecipazione. Il suo intervento ha messo a fuoco i rapporti fra le due città, partner anche a livello culturale: Palermo e Düsseldorf, non tralasciando aspetti quali la migrazione e l´integrazione. La cultura, come l'ha descritta Orlando, gioca un ruolo non trascurabile in tutto questo e ha un impatto duraturo che si ripercuote nei modi più svariati sulla vita delle città.

Come in occasione di ogni Borsa Culturale Italo-Tedesca dal 2008, è stato assegnato anche quest´anno il Premio Culturale della VDIG durante una cerimonia. Questa volta il premio è andato  al giornalista culturale Henning Klüver, presentato da Rita Marcon-Grothausmann. Nel suo videomessaggio il precedente vincitore, il drammaturgo e regista Marco Martinelli, ha fatto gli elogi di Klüver descrivendolo come personalità che con il suo lavoro "spiega l'Italia" ai tedeschi, superando così gli ostacoli che possono sorgere a causa dell'etnia, della lingua e della cultura. Con la sua passione e grazie alle sue convinzioni, spesso critiche ma ben definite, riesce così ad abbattere pregiudizi e a costruire dighe contro le incompresnsioni.

Negli intermezzi fra i vari punti del programma svoltosi in municipio sono stati eseguiti all´arpa brani musicali di J.S. Bach, George Gershwin e Giovanni Caramiello. Alle impressioni e ai piaceri culturali sono seguiti quelli per il benessere fisico: il buffet palermitano. In questa occasione sono stati distribuiti anche i "bocconcini culturali", preparati per l´occasione da numerose associazioni culturali: piccole e grandi sorprese quali minuscoli puzzle linguistici, buoni per le cronache e i libri della VDIG, il CD dell´oli e altro ancora. Il cestino con i bocconcini, confezionati e realizzati in modo molto individuale e con grande cura, si è svuotato rapidamente.

Al successivo simposio, tenutosi sempre nel Municipio, ha partecipato, insieme ad altre personalità di spicco, anche il vincitore del Premio, Henning Klüver affiancato dalla studiosa di lingue romanze, prof. Sieglinde Borvitz, dalla traduttrice, autrice e membro del Consiglio Consultivo della VDIG, dott. Friedrike Hausmann e dal curatore di mostre d´arte, dott. Alessandro Pinto, per analizzare il tema "Precisione italiana, fantasia tedesca? . Il dibattito è stato moderato dalla giornalista Luciana Mella. Ci si è chiesti come venga percepita la Germania in Italia e l'Italia in Germania, un tema che ha destato vivo interesse sia nei partecipanti alla Borsa Culturale che nel numeroso pubblico.

Con il festival "Tutti in Piazza", organizzato nel centro storico di Düsseldorf, e con un sole splendente, la Borsa Culturale è scesa nel pomeriggio di sabato letteralmente in piazza per incontrare e coinvolgere i cittadini di Düsseldorf. I redattori di "Buonasera Düsseldorf" - programma radiofonico dedicato alla cultura italiana nella metropoli renana - hanno condotto il programma a Grabbeplatz e portato sul palco diversi interlocutori del team organizzativo e degli ospiti della Borsa.

Il coro dell'associazione Italia Altrove e.V. si è esibito in brevi performances tra un'intervista e l'altra. VDIG, Italia Altrove, DIG Düsseldorf e VIAVAI, e altri ancora, hanno presentato le loro attività in due stand. Gli ospiti di Prato hanno presentato la loro "Radio Tedesca". Sono state inoltre svolte attività concernenti l´apprendimento della lingua italiana da parte degli alunni del ginnasio di Düsseldorf che imparano l'italiano: gli studenti hanno rivolto ai passanti domande su personaggi e citazioni famose della storia contemporanea dalle quali sono nate discussioni su lingua e storia italiane. Alcuni esmpi:

Chi ha detto:

"E il mare porterà nuova speranza a tutti, come il sonno porta i sogni".

„Veni, vidi, vici.“

„La saggezza è figlia dell'esperienza.”

Sabato sera, l'attenzione non era rivolta solo all'Italia o alla Germania, ma ad un breve viaggio alle Hawaii. L'Apollo Varieté di Roncalli, situato direttamente sulle rive del Reno, ha ospitato la grande cena di gala per lo spettacolo di varietà "Aloha Baby". Acrobazie mozzafiato hanno affascinato gli ospiti: un´emozionante conclusione di un´emozionante giornata della Borsa Culturale.

La domenica (12 giugno) è stata dedicata alla scoperta della città di Düsseldorf e c´è stato solo l´imbarazzo della scelta delle attività: c´era infatti la possibilità di partecipare a una visita guidata della città, a una visita guidata del Museo della Città o alla mostra d'arte "Die Grosse". Sotto un cielo azzurro, quasi senza nuvole è poi iniziato un viaggio panoramico sul Reno per conoscere Düsseldorf da una prospettiva completamente diversa.

L'ultimo punto del programma della XVI Borsa Culturale Italo-Tedesca si è svolto nella chiesa di Sant'Andrea: un concerto d´impronta dantesca. All'organo della chiesa è stata eseguita una sonata del compositore francese Valéry Aubertin, che per la sua opera si è ispirato alla "Divina Commedia" di Dante. Per accompagnare la musica noti oratori hanno poi recitato i passi corrispondenti del poema di Dante.

Un fine settimana con molti temi italo-tedeschi, due lingue nell'orecchio, una folte serie di informazioni e impressioni interessanti: è stato bello, è stato faticoso, è stato emozionante a Düsseldorf! Ora si sta già programmando la XVII Borsa Culturale Italo-Tedesca che  si svolgerà nuovamente in Italia tra due anni. La città ospitante sarà Prato, in Toscana.

Kerstin Herrn

Informazioni:

Revisione del DIG Düsseldorf

Revisione nel Corriere d'Italia

Galleria di immagini:

Foto: 1) Partecipanti alla XVI. Borsa Culturale  Italo-Tedesca a Düsseldorf (Francesca Ippoliti), 2) iscrizione, 3) materiale informativo (entrambe Kerstin Herrn), 4) brochure oli, 5) + 6) L'acchiappamondi, 7) + 8) cerimonia di apertura, 9) Henning Klüver, 10) Reiner Witzel, Mathias Haus, 11) Cerimonia, 12) Rita Marcon-Grothausmann, 13) Robert Himmrich, 14) Elena Berardo, 15) Luis Cavalieri, 16) Presentazione del Premio Culturale: Rita Marcon-Grothausmann, Rossella Palazzolo, Henning Klüver, 17) Cai A. Boesken, Elena Berardo, Henning Klüver, Rita Marcon-Grothausmann, Rossella Palazollo, 18) Henning Klüver, 19) Elena Berardo, Henning Klüver, Rossella Palazzolo, Michael Kortländer, Robert Himmrich, Rita Marcon-Grothausmann, 20) Municipio di Düsseldorf  (tutte Barbara Schmitz), 21) Buffet, 22) Simposio (entrambe Kerstin Herrn), 23-25, 27-28) Tutti in piazza (Barbara Schmitz), 26) Tutti in piazza (Kerstin Herrn)

Invito

“Perché è così bello sulle rive del Reno?” Perché tre associazioni membre della VDIG vi invitano insieme alla Borsa Culturale Italo-Tedesca 2022 dal 10 al 12 giugno a Düsseldorf! E poi parafrasando una famosa canzone popolare renana: “Perché lì i cuori spensierati ridono allegri e scherzano molto, e si sente che tutti parlano liberi e senza condizionamenti”. Beh, il verso non corrisponde del tutto alla realtà in tempi di Covid-19. Noi non siamo per nulla spensierati, anzi, stiamo preparando la Borsa Culturale per la terza volta con una cura particolare e senso di responsabilità.

Vereinigung Deutsch-Italienischer Kulturgesellschaften_Düsseldorf_Medienhafen

Finalmente, lo speriamo davvero, gli amici e i promotori della cultura e della lingua di entrambi i Paesi si riuniranno per la sedicesima volta in occasione della Borsa Culturale Italo-Tedesca, una manifestazione che, nonostante tutte le avversità del nostro tempo, rende gioiosamente omaggio all’amicizia tra i due Paesi con un vivace scambio di idee basato su un’eredità culturale comune.

Da secoli Düsseldorf ha uno stretto legame con l’Italia. Il principe elettore Giovanni Guglielmo del Palatinato nel 1691 aveva sposato l’ultima principessa della famiglia Medici, Anna Maria Luisa. Erano la coppia glamour per eccellenza tra i nobili dell’assolutismo. Trasformarono la loro città di residenza in una “ville lumière”, un centro artistico e musicale sul Reno. Da Händel a Rubens, tutti qui si sentivano a casa e, 100 anni più tardi, venne anche Goethe ad ammirare i tesori artistici di Düsseldorf.

Con il patrocinio dell’Ambasciata d’Italia in Germania, del Sindaco di Düsseldorf e dell’Istituto Italiano di Cultura di Colonia, la DIG Düsseldorf, Italia Altrove e l’Associazione Düsseldorf Palermo insieme alla VDIG, vi invitano dunque a trascorrere un fine settimana di stimolante scambio interculturale sulle rive del bellissimo fiume Reno e in ottima compagnia.

Vereinigung Deutsch-Italienischer Kultur-Gesellschaften_Stadtmuseum_Düsseldorf

Saranno lieti di accogliervi il Sindaco di Düsseldorf, Dr. Stephan Keller e la direttrice del Museo Civico, Dr. Susanne Anna. Saremo infatti ospiti del Museo Civico e del Municipio, ma anche “medden onger de Lütt”, e cioè nella piazza antistante il museo d’arte moderna “Kunstsammlung Nordrhein-Westfalen”, dove inviteremo i cittadini a conoscere da vicino le associazioni italo-tedesche.

Chi non si è iscritto alla Kulturbörse è cordialmente invitato alla Festa "Tutti in Piazza" di sabato 11.06.2022, dalle ore 15.00, in Piazza Grabbe: Ci vediamo in piazza!

VDIG_tuttiinpiazza_Kubö_Düsseldorf

La presidente della VDIG Rita Marcon-Grothausmann presenta alla Kulturbörse in un'intervista:

La XVI. Borsa Culturale Italo-Tedesca per celebrare l’amicizia bilaterale

Nell’estate del 2021 gli organizzatori hanno girato il seguente video per invitarvi a entrare nell'atmosfera della Borsa Culturale 2022:

 

Informazioni:

Comunicato Stampa

articolo sul cluverius.com

Programm (per i partecipanti registrati)

Invito e modulo di iscrizione

Foto: 1) Düsseldorf Medienhafen (© Düsseldorf Tourismus, Markus Luigs), 2) Stadtmuseum Düsseldorf (Stadtmuseum)

Vereinigung Deutsch-Italienischer Kultur-Gesellschaften_Logo-Italienische-Botschaft_2

Vereinigung Deutsch-Italienischer Kulturgesellschaften_Logo_Düsseldorf

Vereinigung Deutsch-Italienischer Kulturgesellschaften_Logo_Stadtmuseum_Düsseldorf

Vereinigung Deutsch-Italienischer Kultur-Gesellschaften_Logo-Generalkonsulat-Köln

Vereinigung Deutsch-Italienischer Kultur-Gesellschaften_Logo-IIC-Köln

Vereinigung Deutsch-Italienischer Kulturgesellschaften_Logo_Dominikaner

Vereinigung Deutsch-Italienischer Kulturgesellschaften_Logo_Marcegaglia Vereinigung Deutsch-Italienischer Kultur-Gesellschaften_Logo_Luther

Vereinigung Deutsch-Italienischer Kulturgesellschaften_Logo_Sigma

Vereinigung Deutsch-Italienischer Kultur-Gesellschaften e.V. (VDIG): Logo DIG Düsseldorf

Vereinigung Deutsch-Italienischer Kultur-Gesellschaften e.V. (VDIG): Logo Italia Altrove Düsseldorf

Vereinigung Deutsch-Italienischer Kultur-Gesellschaften e.V. (VDIG): Logo Verein Düsseldorf - Palermo

 

 

 

Copyright © VDIG Federazione delle associazioni italo tedesche in Germania
Design e implementazione:
www.intro-design.de